Renzi, due anni a Chigi. Bene. Ma il federalismo?

immagineprincipale1

Matteo Renzi di fronte alla platea della Leopolda, 15 dicembre 2015

BEPI COVRE
Fra pochi giorni sarà anno nuovo. Fra qualche settimana Matteo Renzi festeggerà il secondo anno a Palazzo Chigi. Il giovane ex sindaco di Firenze era una novità nel panorama grigio, stantio, immutabile della politica italiana. Non sono della sua parte politica, sono ideologicamente “sterilizzato”; resto federalista a vita!

L’anno scorso però alle elezioni europee ho votato Renzi, non il PD; uno dei tanti transfughi che ne hanno sancito l’eccezionale quaranta per cento. L’ho votato perché era un sindaco (lo sono stato anch’io) e portava al governo la concretezza dei sindaci. Il primo Sindaco Presidente del Consiglio, senza passare per “la casta” dei parlamentari: un gran bel vantaggio.
Un giovane di quarant’anni a Palazzo Chigi, uno svecchiamento provvidenziale e necessario in sintonia con Paesi evoluti politicamente. Un segnale importante per i giovani che, in vari ambiti, devono caricarsi sulle spalle le sorti “disgraziate” del Paese.

Di Renzi ho gradito la discontinuità verso gli arrugginiti riti della prima repubblica: le concertazioni con le parti sociali.
Antiche cerimonie che son servite per decenni a legittimare entrambi (governi e sindacati) rinviando problemi e soluzioni; bloccando riforme essenziali che altri Paesi hanno fatto (Germania docet). Buona la sintonia con Marchionne, uscito opportunamente da Confindustria, per avere mani libere, e fare quello che andava fatto. Fosse stato per la CGIL …

Mi è piaciuto del “giovanotto fiorentino” la capacità di separare all’interno del suo partito la “frazione umida”, quella estrema, quella non riciclabile, destinata a marcire per fare humus. Fatta da soggetti rancorosi, autoreferenziali, passatisti e sognatori di esperienze sociali impossibili.
Mi piace di Renzi il tentativo (quasi riuscito) di superare finalmente il bicameralismo perfetto. La mia deludente esperienza parlamentare si è concretizzata proprio nella verifica quotidiana dell’enorme perdita di tempo provocato dal doppio passaggio dei provvedimenti legislativi.

E, non posso dimenticare, fra i meriti di Renzi il superamento dell’Art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, datato oltre quarant’anni fa. Un “residuato bellico” di quei tempi bui e plumbei (piombo e dinamite, erano le stagioni del terrorismo), ancora utilizzato per contrapposizioni ideologiche, nel mondo del lavoro, nel frattempo completamente cambiato e globalizzato.

Ciò detto, quello che non mi piace di Renzi è che tra Lui e il federalismo c’è una distanza siderale, purtroppo.
È una carenza molto grave. Federalismo per me significa capacità di autogoverno responsabile, valorizzazione dei territori, selezione di buoni e onesti amministratori pubblici, attraverso una competizione virtuosa e competitiva. Vorrebbe dire finalmente fine del centralismo sprecone, falso egualitario solidale, irresponsabile, buonista, facilmente corruttibile.

In Renzi sopravvive la cultura catto/comunista ancora ben incernierata nella sinistra italiana. Figlia di altri tempi, di personaggi importanti del mondo cattolico (La Pira, Dossetti, Moro ecc) con radici anche nella benemerita Dottrina Sociale del Toniolo ecc. Una “teologia sociale” che fatica a coniugarsi con le regole della globalizzazione dei mercati e ancor peggio della finanza; per questo va capita e usata con discernimento e cautela.

Parlando con amici non di sinistra, alla fine si conviene quasi sempre che, comunque, a Renzi oggi non ci sono alternative, purtroppo. Mancano alternative sul versante a destra dello schieramento politico. E questa non è una bella situazione.

Buon Natale e buon Anno!

bepi covre

Bepi Covre

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...